Gli itinerari

Magnifici itinerari da percorrere partendo dall’Agriturismo Buonasera

 

Con base di partenza dall’agriturismo Buonasera si possono compiere itinerari sorprendenti nella Tuscia laziale, nella verde Umbria, al confine con il comune di Bagnoregio, e nella vicina Toscana.

La Tuscia , la terra dei Tusci , gli Etruschi,  è un luogo dall’incredibile bellezza, sia per la natura rigogliosa ed incontaminata, sia per le testimonianze del passato: Villanoviani, Etruschi, Romani e poi Medioevo, Rinascimento, hanno lasciato tracce importanti e suggestive in tutto il territorio.

 

Proprio per questa varietà dei paesaggi e per la grande ricchezza artistica ed architettonica, gli itinerari possono essere organizzati in base:

alla localizzazione e prossimità – Itinerario Geografico

al periodo storico – Itinerario Storico

ai monumenti ed emergenze architettoniche – Itinerario Culturale

 

Itinerario geografico

Per una permanenza di pochi giorni all’agriturismo la scelta di un itinerario per localizzazione geografica è forse il migliore. Permette di concentrare in poche tappe località, monumenti, centri storici, rocche ed altro.

Vi proponiamo qualche alternativa:

A sud ovest rispetto all’agriturismo: Tuscania, bella cittadina con le sue basiliche romaniche, San Pietro e Sanata Maria Maggiore le più grandi e suggestive;   proseguendo verso ovest si arriva alla vicina Tarquinia, non può mancare una visita al museo archeologico di palazzo Vitelleschi e poi alla bellissima necropoli.

A sud: Viterbo, che presenta uno dei centri medievali più grandi e più integri d’Europa. Parcheggiando a piazza Martiri d’Ungheria, potrete visitare lo splendido quartiere di San Pellegrino e magari fare una passeggiata nella Viterbo Sotterranea od una visita guidata a Piano Scarano. Piacevole anche una passeggiata in Corso Italia con le sue vetrine di abbigliamento e moda.

Sempre a sud : Bomarzo, con il suo Giardino delle Meraviglie, villa Lante a Bagnaia, Palazzo Farnese a Caprarola.

 

A nord: il Lago di Bolsena, il più grande lago vulcanico d’Europa, balneabile nella maggior parte delle sue rive; partendo dall’agriturismo dopo 15 km si raggiunge Bolsena città;  da visitare la Basilica di Santa Cristina con le sue catacombe, il Castello Monaldeschi, il centro storico ed il lungo lago. Da Bolsena poi si raggiunge Montefiascone con il suo splendido Duomo, la Rocca dei Papi, ed il lungo lago, con  giardini, giochi per i bambini all’aperto e nella parte finale un bell’arenile dove trascorrere una giornata in pieno relax sulle rive del lago. Proseguendo si arriva alle due  caratteristiche cittadine di Marta e Capodimonte.

 

 

 

Ad Est: Bagnoregio e soprattutto Civita di Bagnoregio il borgo onirico arroccato sulla rupe tufacea. Civita di Bagnoregio di origine, come quasi tutti gli abitati del Viterbese e della Tuscia, etrusca e forse Villanoviana, costituiva l’acropoli dell’antica Balneum Regis (bagni del re) ed a seguito di diversi terremoti rimase separata dal resto dell’attuale città di Bagnoregio (Rota) con cui costituiva in passato, assieme all’attuale Lubriano, un’unica città.

Visitata Civita di Bagnoregio l’itinerario può continuare con Orvieto, anche’essa arroccata su una rupe tufacea. Tappa obbligata al meraviglioso Duomo, la Cattedrale di Santa Maria Assunta, quasi sproporzionato per la città,  capolavoro dell’architettura gotica. Poi, sempre nella piazza del Duomo, il museo di etruscologia Claudio Faina, e partendo dal punto di informazione turistica si può partecipare, ogni 50 minuti, ad una visita alla Orvieto sotterranea. Non molto distante verso valle il Pozzo di San Patrizio. Infine non può mancare una bella passeggiata per il corso e le viuzze della cittadina, con i suoi eleganti negozi e botteghe di artigiani ed antiquari.

 

Itinerario Storico

In questo caso la scelta può variare tra il periodo Etrusco/Romano ed il periodo Medievale/Rinascimentale.

Del periodo Etrusco/Romano la Tuscia laziale è ricca di affascinanti e suggestive testimonianze:

le Necropoli tra cui le più importanti quelle di Norchia, Blera Vulci, Barbarano Romano, Tarquinia, Tuscania, Castel d’Asso, San Giovenale, Sutri, Vetralla ;

gli anfiteatri e teatri romani, tra i più conosciuti quello di Sutri all’interno dell’omonimo parco naturalistico – archeologico

e di Ferento, con annesse parti dell’antica città (decumano, cardo, terme)

i musei di etruscologia tra i maggiori quello di palazzo Vitelleschi a Taquinia, Il Castello della Badia a Vulci,
il museo nazionale etrusco all’interno della Rocca Albornoz a Viterbo.

Ma si possono visitare, magari con l’ausilio e la competenza di guide competenti, anche luoghi magici dell’antica Etruria quali ad esempio la piramide etrusca di Bomarzo, oppure avventurarsi all’interno della forra in fondo alla quale scorre il fosso Biedano, anticamente percorsa dai viandanti come via di comunicazione tra Blera e Barbarano Romano.

Mete altrettanto suggestive sono quelle della vicina Umbria: a pochi chilometri dall’agriturismo , nel comune di Orvieto, il museo Faina accontenterà ogni appassionato con una ricca collezione di reperti etruschi .

Anche il periodo medievale e quello Rinascimentale sono ricchi di testimonianze in questo magico territorio.

Ogni cittadina presenta castelli, fortezze, rocche, torri, borghi e edifici fortificati, palazzi e centri medievali, spesso integri e comunque sempre suggestivi.

Partendo dall’agriturismo si può raggiungere la parte del centro storico di Bagnoregio con i suoi vicoli e piazzette, oppure percorrere partendo dall’antico fontanile il camminamento sopra le mura medievali che dominano la valle dei Calanchi; altrettanto suggestivi sono i centri storici delle cittadine della Teverina, tutti raggiungibili con brevi percorsi in macchina partendo dall’agriturismo: Lubriano, Castigliane in Teverina, Celleno, Civitella d’Agliano, Roccalvecce, San Michele in Teverina. E poi ancora:

Viterbo con  il Palazzo dei Papi dove ha avuto orine il termine Cumclave in occasione della elezione di Papa Innocenzo X, il Palazzo dei Priori, il Palazzo Farnese, la Rocca Albornoz, la Torre di Vico, il Quartiere San Pellegrino con le sue vie e piazze storiche;

villa Lante a Bagnaia, il Giardino delle Meraviglie o Parco dei Mostri a Bomarzo, e sempre a Bomarzo il Palazzo Orsini, Palazzo Farnese a Caprarola, il Castello Orsini a Soriano nel Cimino, la Rocca dei papi a Montefiascone, il Castello Monaldeschi a Bolsena, per citarne solo alcuni che vi consigliamo.